logo_ausilia
Contributi voucher digitalizzazione pmi

Contributi voucher digitalizzazione imprese PMI

Voucher per la digitalizzazione delle PMI – Ministero dello Sviluppo Economico

PMI potranno accedere ad un contributo per la digitalizzazione in forma di voucher  fino a 10.000 €, per l’acquisto di software, hardware o servizi che consentano:

  • il miglioramento dell’efficienza aziendale;
  • la modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, tale da favorire l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità, tra cui il telelavoro
  • lo sviluppo di soluzioni di e-commerce;
  • la connettività a banda larga e ultralarga;
  • il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare, attraverso l’acquisto e l’attivazione di decoder e parabole, nelle aree dove le condizioni geomorfologiche non consentano l’accesso a soluzioni adeguate attraverso le reti terrestri o laddove gli interventi infrastrutturali risultino scarsamente sostenibilie conomicamente o non realizzabili;
  • la formazione qualificata, nel campo ICT, del personale delle suddette piccole e medie imprese.

Soggetti beneficiari – Contributi voucher digitalizzazione

Sono ammesse ai contributi voucher per la digitalizzazione le PMI sull’intero territorio nazionale con l’esclusione dei seguenti settori d’attività:

  • pesca e acquacoltura (Reg. CE 104/2000);
  • produzione primaria dei prodotti agricoli;
  • trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli;
  • attività connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati Membri.

Spese ammissibili – Contributi voucher digitalizzazione

Sono ammissibili ai contributi voucher per la digitalizzazione delle PMI le seguenti tipologie di spesa:

  • acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali.
  • acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, con particolare riferimento all’utilizzo di strumenti tecnologici e all’introduzione di forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro.
  • acquisto di hardware, software, inclusi software specifici per la gestione delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete, e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati allo sviluppo di soluzioni di e-commerce.
  • purché strettamente correlate agli ambiti di attività  le spese di attivazione del servizio sostenute una tantum, con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche, quali lavori di fornitura, posa, attestazione, collaudo dei cavi, e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultralarga.
  • – purché strettamente correlate agli ambiti di attività le spese relative all’acquisto e all’attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare.
  • spese per la partecipazione a corsi e per l’acquisizione di servizi di formazione qualificata, purché attinenti fabbisogni formativi strettamente correlati agli ambiti di attività. Gli interventi formativi dovranno essere rivolti al personale delle imprese beneficiarie (titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti) risultante dal registro delle imprese o dal libro unico del lavoro.

 

NB: I servizi e le soluzioni informatiche devono essere acquisiti successivamente all’assegnazione del voucher.

Agevolazione concessa

Alle imprese sarà riconosciuto un voucher di fino a 10.000 € per ciascun soggetto beneficiario e nel limite delle risorse finanziarie disponibili.

Termini per la presentazione della domanda di contributo

A partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018

 

Questo bando può essere un’opportunità per la tua azienda? Contattaci e ti terremo aggiornato!

 

Lascia un commento

3 + nove =

Il vostro indirizzo e-mail non verrà mostrato pubblicamente.